Competenze (e incompetenze) professionali

 architetti21

La questione, se non fosse vera, potrebbe sembrare quasi comica. Sempreché si possa ridere di un Paese (il nostro) incapace di emanciparsi dalle vecchie consuetudini che lo rendono ancora un luogo culturalmente arretrato, lungi dal diventare moderno e al passo con i tempi. Si sta parlando del triste teatrino andato in scena nei mesi scorsi presso la Commissione Lavori pubblici del Senato durante il quale, come nel gioco delle tre carte, si è cercato di mascherare per modernità la fame di competenze di alcune corporazioni professionali. Veniamo ai fatti: sul tavolo di quella commissione si è provato ad estendere, con un apposito disegno di legge, il 1865, le competenze professioni dei tecnici non laureati creando un albo unico per tutti.

Presentato alla fine del 2009, ma rimasto nei cassetti della Commissione per quasi due anni, il provvedimento è ritornato in discussione a metà aprile scorso. La «ciccia» del disegno, presentato – udite-udite – dalla senatrice-architetto Simona Vicari (Pdl), sta nella possibilità che geometri e periti possano svolgere alcune attività finora riservate ai tecnici laureati come le attività di progettazione e collaudo di edifici in cemento armato. Oltre alla possibilità di elaborare piani di lottizzazione, dopo aver frequentato, bontà loro, un corso di aggiornamento professionale di 120 ore.

Dare un’occhiata al disegno di legge è un’esperienza che può far arrabbiare, perché nega, in un sol colpo, tutta la retorica che si è soliti fare sull’importanza dello studio e della formazione. Leggiamo, ad esempio, il primo articolo: «Sono di competenza anche dei geometri (…) e dei periti (..) il progetto architettonico e strutturale, i calcoli statici (…), la direzione lavori, la contabilità, la liquidazione e il collaudo statico ed amministrativo degli edifici di nuova costruzione, l’ampliamento, la sopraelevazione, la ristrutturazione ed il recupero edilizio, (…) con i seguenti limiti: a) in zona non sismica: non più di tre piani fuori terra oltre al piano seminterrato o interrato; b) in zona sismica: non più di due piani fuori terra, oltre al piano semi-interrato o interrato».

Per fortuna la nostra categoria non ha perso tempo: «Gli architetti – ha scritto in un duro documento il presidente Leopoldo Freyrie – manifestano la ferma volontà di opporsi a questo genere di iniziative che in maniera subdola e nell’assoluto dispregio di norme di rango comunitario e dei principi di diritto comunitario, spalancando il mercato a soggetti non adeguatamente o per niente formati in un frangente in cui l’interesse pubblico e privato acclama ben qualificate e specifiche competenze in campo edilizio, strutturale, urbanistico, energetico e di tutela del paesaggio».

La riforma delle professioni deve essere l’occasione fondamentale per chiarire, senza ambiguità, i limiti delle competenze professionali dei tecnici non laureati. Valorizzando le loro (tante) competenze ma limitando con chiarezza i campi nei quali non hanno avuto un’adeguata formazione. E questo deve essere fatto in maniera laica, guardando con attenzione a quello che avviene in tutti i paesi avanzati d’Europa. Dove l’architettura non è appannaggio di tante le figure professionali ma una prerogativa degli architetti. Anche l’Italia deve puntare sull’alta formazione dei tecnici che si occupano di architettura e di urbanistica: perché operare dentro il paesaggio è sempre di più complesso, è un’operazione a cuore aperto che necessità di formazione, competenze e sensibilità.

Ma, in questo senso, il lavoro da fare è ancora molto. E diventa difficile non pensare alla Biennale di Architettura del 2010, quando dentro il Padiglione Italia (forse non a caso), capeggiava la scritta: «98% of the architecture worldwide is designed without architects». Che sia anche questa la causa della cattiva qualità delle nostre città, del degrado dei nostri paesaggi e della banalità della nostra architettura?

Aggiungi ai preferiti : Permalink.