PRESENTAZIONE DELLA TRENTINO ART ACADEMY

Un invito a studiare Design, a Trento. All’accademia di belle arti.

L’obiettivo del mio corso alla Trentino Art Academy è quello di formare i futuri professionisti del design nella particolare relazione che l’oggetto progettato instaura con lo spazio aperto: e quindi design come relazione urbana e paesaggistica con il mondo che ci circonda. In questa prospettiva entrano in gioco elementi legati alla percezione che gli oggetti progettati giocano con lo spazio, sia esso costruito, verde o artificiale. Il design, insomma, come parte del mondo in cui viviamo con il quale insatura una relazione elettiva fondata sulla compenetrazione tra dimensione estetica e vocazione funzionale. L’obiettivo della scuola, peraltro, è quello di formare degli esperti non solo del design, ma del progetto in senso ampio che possano trovare sul mercato del lavoro occasioni di realizzazione professionale, ma anche artistica e personale. Per questa ragione anche la didattica è impostata come le antiche botteghe d’arte, artigiane: una sorta laboratorio permanente costituito non solo lezioni teoriche, ma anche tante opportunità pratiche tese ad affinare la capacità progettuale degli studenti attraverso esperimenti, prove ed esercitazioni. Il designer, peraltro, rappresenta una figura particolarmente interessante in questo periodo storico, proprio per la sua capacità di attraversare discipline diverse e di essere in grado di fare sintesi tra saperi umanistici e competenze tecniche. È, a ben pensare, un professionista chiamato a disegnare il mondo che andremo ad abitare nei prossimi anni, e in un mondo in cui quasi tutto è già stato fatto ed inventato, creare qualcosa di nuovo, di originale, di inaudito rappresenta una sfida molto stimolante.

I QUARTIERI DI TRENTO: LA BOLGHERA

La Bolghera, con le sue ville del primo Novecento e le trasformazioni prodotte dall’arrivo dell’ospedale: un rione nato per la borghesia, che nel tempo è cambiato. Brulicante di vita, è da sempre fulcro del mondo sportivo cittadino e con il Parco di Gocciadoro racchiude in sé un vero e proprio polmone verde per l’intera città. Con l’architetto Alessandro Franceschini e l’antropologo Annibale Salsa. Dalla piscina del Centro Sportivo Manazzon, cuore sportivo del rione, faremo un tuffo indietro nel tempo con l’allenatrice federale Giuliana Aor, per poi saltare nel futuro insieme alla campionessa Francesca Dallapé, atleta del Centro sportivo olimpico dell’Esercito e già medaglia d’argento alle Olimpiadi di Rio de Janeiro.

TAPIS ROULANT è una rubrica a cura della sede struttura Programmi della sede Rai di Trento.

Per I QUARTIERI DI TRENTO la regia è di Giuseppe D’Agostino, le riprese sono di Gianni Rigotti, con collaborazione giornalistica e conduzione di Silvia Gadotti.

[GUARDA IL VIDEO]