Un Paese finalmente civile

Viaggiare è uno dei grandi piaceri della vita. Si lasciano le certezze, i ritmi quotidiani, per scoprire nuovi paesaggi, nuove dimensioni esistenziali, nuovi modi per vivere in comunità. Tuttavia, a volte, il viaggio non è la libera scelta di una parentesi di villeggiatura, ma una necessità di vita dettata dalle precipue condizioni del proprio luogo di origine. Nel corso della storia, gli esseri umani hanno spesso intrapreso viaggi per trovare qualcosa che non riuscivano ad avere a casa propria. Nuove frontiere, nuove terre, nuove città. E così anche oggi, i viaggi nascono da un forte desiderio di emancipazione, di rivalsa, da parte di significative fette della popolazione, soprattutto giovanili. Questo numero di Uomo, città, territorio, vuole parlare di questo.
Ci sono i giovani africani che cercano di arrivare nel nostro Paese per sfuggire alle guerre o semplicemente ad una vita di stenti e di fatica. Scappano da luoghi depauperati dall’ingordigia occidentale che, nel corso dei secoli, li ha depredati di materie prime, di risorse umane, di riferimenti culturali, di usanze tradizionali, di elementi d’identità. Fuggono in cerca di una vita migliore, per una chance esistenziale innata nell’uomo. E vengono da noi perché vedono nel nostro mondo, nelle sue luccicanti paillettes tecnologiche, un luogo da favola, proiettato in un futuro irraggiungibile dai deserti e dalle steppe del continente nero. Un viaggio che spesso si ferma su un barcone, nelle acque di un porto italiano “chiuso” dal populismo della politica.
E ci sono i giovani italiani. Certo non sono così affamati e disperati come i loro coetanei africani, ma anche essi fuggono da un Paese inospitale in cerca di una prospettiva di vita più soddisfacente. Hanno studiato a lungo e si sono formati con entusiasmo e passione. Ma, una volta entrati nel mondo del lavoro, hanno scoperto che non c’era spazio per loro. Il mercato del lavoro in Italia è bloccato. E quando è aperto, è mal pagato, incapace di valorizzare le competenze, burocratizzato e inefficiente. Chi va all’estero se ne accorge subito, e per questo non torna più. Quello che era iniziata come una leggera esperienza dopo la laurea, si trasforma ben presto in una scelta di vita senza ritorno, che lascia famiglie spezzate, genitori soli e un Paese più povero di intelligenze e di energie. Queste pagine di Uct sono dedicate a questi due fenomeni, tanto differenti quanto incredibilmente simili. Se da un lato, infatti, una certa mobilità giovanile è comprensibile e perfino auspicabile, dall’altro questi fenomeni evidenziano che qualcosa si è rotto nel susseguirsi delle prospettive generazionali. E questo emorragia di ragazzi che se ne vanno e non tornano più deve obbligare tutti ad una profonda riflessione. Soprattutto chi – come politici e amministratori – ha l’onere di scegliere verso dove indirizzare le politiche di sviluppo. Ecco: mi piacerebbe che l’Italia diventasse un Paese capace di trattenere i propri figli e capace di accogliere quelli in cerca di un futuro migliore. E questi giovani, in un patto tra pari, fossero in grado di inventare un nuovo miracolo italiano. Questa volta non solo economico. Ma anche etico e sociale. Finalmente civile. 

[Pubblicato su Uomo Città Territorio 518]

UCT508: LA LEZIONE DEGLI ALPINI

L’esempio di Cesare Battisti

L’arrivo a Trento di cinquecentomila penne nere non rappresenta solo una festa spensierata per gli Alpini e per la città, ma può diventare una preziosa occasione per riflettere sul ruolo svolto – nella crescita e nell’emancipazione culturale del Trentino – da Cesare Battisti, intellettuale e politico socialista vissuto a cavallo tra l’Ottocento e il Novecento e, per l’appunto, Maggiore degli Alpini, indossando la cui divisa fu arrestato dai soldati dell’Imperial-Regio Esercito austriaco e assassinato sulla forca del Castello del Buon Consiglio, nella tragica giornata del 12 luglio 1916.

Continue reading

UCT507: MEGLIO BIOLOGICO

uct507

Una scelta di campo

Per decenni siamo stati persuasi che il Trentino potesse competere anche sui grandi  Numeri: lo abbiamo fatto col turismo, cercando di trasformare i piccoli borghi delle nostre valli in tante minuscole «Cortine d’Ampezzo», avulse dalla nostra tradizione. E abbiamo cercato di farlo anche con l’agricoltura, provando ad innestare processi industriali e monoculturali su un tessuto rurale. Ora che i margini di sostegno economico della Provincia autonoma di Trento si sono ampiamente ridotti e adesso che la lotta sul mercato globale sta diventando sempre più aggressiva, i nodi sembrano arrivare al pettine, sia nell’uno che nell’altro settore.

Il Trentino è un minuscolo territorio, praticamente invisibile a scala planetaria. Un piccolo punto sulla carta geografica che non può tenere testa con i grandi competitor internazionali. Per una mera questione di numeri. Il solo campo sul quale possiamo giocare un qualche tipo di partita è quello dell’originalità, della «nicchia», come si sul dire, dell’autenticità. Se sapremo attivare questo tipo di proposta, nell’agricoltura, come nel turismo, come in qualsiasi comparto economico, potremo avere qualche speranza di essere notati e quindi di diventare interessanti e ricercati dal resto del mondo.

Questo numero di «Uomo, Città, Territorio» vuole parlare di una di queste potenziali nicchie, ovvero quella dell’agricoltura biologica. Ma non in maniera ideologica: lo facciamo non solo perché siamo convinti che l’agricoltura biologica rappresenti un approccio interessantissimo per ricostruire un equilibrio con il nostro ambiente, ma soprattutto perché crediamo che dentro questo tipo di agricoltura – e dei suoi derivati – possa nascondersi un interessante mercato economico, capace di produrre ricchezze per la nostra comunità. Una scelta che si proporrà sempre più come una inevitabile scelta di campo, per un territorio sempre più autentico e originale. Per un Trentino, in altre parole, sempre più competitivo.

UCT406: IL POTERE DELLE DONNE

2018-03-05-17-20

Una rivoluzione incompiuta

Checche se ne dica, quello che stiamo attraversando è il momento delle donne. La loro presenza attiva è invocata (e facilitata) – solitamente da parte di uomini saldamente collocati in posizioni di vertice – in ruoli di responsabilità a tutti i livelli della catena decisionale e dentro tutti gli enti e le istituzioni. S’invoca la presenza delle donne non solo, o non sempre, per un opportunistico buonismo di moda. Si riconosce il bisogno della loro presenza per le indiscusse capacità femminili di efficienza, forza di concertazione, tendenza alla condivisione. La partecipazione delle donne ai vertici amministrativi, politici e aziendali, garantisce trasparenza dei processi delle decisioni, rafforza il coinvolgimento di tutti i diversi portatori di interesse, limita i fenomeni di clientelismo in favore della meritocrazia.

Tuttavia la rivoluzione non è del tutto compiuta. Perché non stiamo ancora vedendo tutte le potenzialità che il «sesso debole» può esprimere dentro la società. Quello che manca, infatti, è l’attivazione di processi selettivi interni alle donne in grado di far emergere le migliori – e non le più disponibili o le più opportuniste. Le donne, insomma, devono imparare quello che gli uomini esercitano da secoli: ovvero il lento lavoro di costruzione della leadership, la preparazione paziente delle competenze manageriali e il faticoso esercizio della costruzione del consenso. Solo in questa maniera potrà dirsi compita fino in fondo l’emancipazione femminile: solo quando conterà davvero per tutti (donne e uomini) il merito, la competenza, la passione.

Questo numero di Uomo Città Territorio intende parlare di queste questioni. Lo fa a ridosso di marzo, ovvero il mese femminile per eccellenza. E in un momento storico in cui il vento sembra veramente cambiare, in favore dei diritti delle donne. Lo fa raccontando alcune storie d’eccellenza in rosa (che vanno dalle istituzioni museali, all’arte, al teatro) e attraverso la narrazione di alcuni episodi ed eventi che hanno cambiato la storia dell’evoluzione «di genere» nella società occidentale. Ma lo fa soprattutto con un auspicio: che il tempo della parità sia veramente prossimo ad arrivare e che si archivino velocemente discorsi e politiche che pur difendendo la donna, in realtà la trattano a mò di riserva indiana: attivando così l’aspetto più deleterio di una società basata sul potere maschile.